Dorifora della patata

Dorifora della patata

La dorifora della patata è un insetto che appartiene all'ordine dei Coleotteri che ha origine nel Nord America. Gli individui adulti presentano le elitre (l'ala anteriore sclerificata dei coleotteri e degli imenotteri) con una colorazione bianca-giallastra. Il torace ha una colorazione arancione tendente al rossastro con dei puntini sparsi di colore nero. Le larve hanno una lunghezza che arriva a 15 mm con una colorazione arancione e con la presenza di tubercoli neri ai lati del corpo. Le uova hanno una colorazione giallastra e vengono deposte sulla superficie delle foglie. Le dorifore entrano in attività all'inizio della primavera riemergendo dal terreno alla ricerca delle parti della pianta per ottenere nutrimento. Le femmine sono in grado di deporre fra le 300 e le 500 uova riuscendo in un anno ad avere 2 o 3 generazioni che in genere si sovrappongono essendo un insetto piuttosto longevo.
Dorifora della patata

Bayer - Confidor 200 sl x 250 ml Afidi e minatrice agrumi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,35€


Danni provocati dalla dorifora della patata

Larva e adulto di dorifera della patata Il danno provocato dalla dorifora della patata è localizzato principalmente sulle foglie ed è causato sia dalle larve sia dagli adulti. Le piante che vengono infestate o subiscono una defogliazione totale che potrebbe portare alla morte della pianta, o in alternativa potrebbero essere prodotti foglie e germogli laterali, ma non consentendo lo sviluppo adeguato del tubero. Essendo insetti molto prolifici, le piante vengono infestate da molti individui, quindi le piante subiscono danni ingenti in pochissimo tempo. Le larve di dorifora iniziano l'attività quando la temperatura raggiunge i 14 gradi, mentre intorno ai 16 gradi inizia la fase di accoppiamento. Per l'identificazione corretta dell'insetto si dovrebbe tenere presente anche il periodo dell'anno in cui esce dallo svernamento ed inizia la sua attività.

  • Dorifora La dorifora è uno dei principali nemici degli orti: si trova in terreni coltivati soprattutto con patate o melanzane, in quanto particolarmente attratta dalle solanaceae. Non è semplice eliminarla e d...
  • Esemplare adulto dorifora La dorifora, o Leptinotarsa decemlineata, è un insetto che attacca le piante appartenenti alla famiglia delle solanacee: la pianta maggiormente attaccata è la patata, ma è possibile che attacchi anche...
  • Mini-tuberi  Fonte foto ( http://www.ardcarneplantsplus.ie ) Per seminare patate ci sono vari metodi, uno di questi è quello di piantare delle normali patate tagliate a metà, ma questo è un sistema che può portare a diverse complicazioni, si consiglia quindi di...

KLARTAN 20 EW 100 ML insetticida aficida acaricida piretroide agrumi ortaggi melo pero pesco ciliegio piante in vaso e piena terra

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Lotta biologica alla dorifora della patata

Larve di dorifera a due stadi di sviluppo Esistono moltissimi tipologie di intervento che consentono di eliminare il problema della dorifora della patata. Per riuscire ad operare in modo biologico si dovrebbe provvedere a rimuovere manualmente le uova, le larve gli individui adulti anche se tale operazione risulta molto difficoltosa dato l'elevato numero di insetti. Si potrebbe invece provvedere alla rotazione colturale, evitando di piantare altre piante appartenenti alle solanacee vicino a quelle dell'anno precedente, privando le larve del necessario nutrimento. Si potrebbero utilizzare fertilizzanti organici adeguatamente maturi oppure impiegare insetti antagonisti come altri coleotteri o coccinelle, oppure sfruttando la predilezione del tacchino di nutrirsi di dorifore. Si potrebbero impiegare anche insetticidi biologici come il bacillus thuringiensis.


Lotta chimica alla dorifora della patata

Uova di dorifera della patata In caso l'infestazione risulti particolarmente grave e su vaste estensioni si potrebbe prendere in considerazione di utilizzare un insetticida, ma dopo aver avuto una valutazione tecnica da esperti fitosanitari ed esclusivamente in un periodo in cui non sia presente la fioritura. Esistono pesticidi chimici, che però creano moltissimi danni e sono sconsigliati, oppure sostanze di origine naturale come il piretro e il rotenone, che però, essendo comunque tossici per i pesci, per i rettili, per gli anfibi, ma anche per uccelli e mammiferi, necessitano di particolari attenzioni e di una somministrazione seguendo le normative in vigore. Questo perché essendo sostanze prive di una selezione, possono risultare molto dannose anche per insetti utili all'ambiente. Queste sostanze non devono essere mai usate nella vicinanza di corsi d'acqua.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO