Potatura acero

Scopo della potatura

Alto e maestoso, oppure piccolo e dall'intensa colorazione rossa, l'acero è di grande fascino in ogni sua declinazione. Non stupisce quindi che la sua diffusione sia tanto vasta in tutto il mondo: le piante di grandi dimensioni trovano spazio, in Italia, nei più ampi giardini, mentre chi ha a disposizione piccole porzioni verdi spesso sceglie di non farsi mancare un acero giapponese che conferisca un tocco di colore. Nonostante l'acero sia in grado di adattarsi al clima europeo e possa essere coltivato anche direttamente nel terreno, senza troppo timore per le esposizioni ai rigidi inverni, si tratta di una pianta che necessita di attenzioni e cure, in particolare per quanto riguarda la potatura. Per gli aceri di grandi dimensioni la potatura ha una funzione prevalentemente contenitiva ed è importante per conferire una forma alla folta chioma; allo stesso modo anche gli aceri di piccole dimensioni necessitano di interventi regolari per essere mantenuti in ordine. La potatura è importante non solo per ragioni estetiche, ma anche per garantire il migliore stato di salute possibile alla pianta: potare l'acero permette di selezionare ed eliminare i rami non più produttivi, che impoveriscono e sottraggono nutrimento all'intera pianta, rendendola più debole contro gli attacchi dei parassiti e degli organismi infestanti. In più, sfoltire la chioma permetterà il giusto filtraggio dei raggi del sole e il passaggio dell'aria, creando un microambiente salubre e poco favorevole ai parassiti.
Potatura acero

Sega segaccio pota potatura giardino seghetto Samurai lama curva 330 mm 248015

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17€


Tecniche di potatura

Potatura acero Potare un acero non significa semplicemente accorciare ed eliminare i rami meno produttivi e più vecchi per fare spazio ai nuovi, ma significa anche selezionare i rami migliori per creare una chioma che sia in grado di consentire il corretto filtraggio di acqua e luce, per non pregiudicare la salute di nessuno dei rami presenti. L'acero può avere la tendenza a sviluppare una doppia cima: in questo caso si può optare per la cimazione di una delle due parti, intervenendo su una porzione di ramo molto vicino al tronco, per ripristinare uno sviluppo più contenuto. Lo sfoltimento della chioma, invece, è un'operazione da compiere in modo regolare per non pregiudicare la salute delle piante. Si tratta di intervenire principalmente sui rami più vecchi, eliminando quelli che impediscono la crescita di quelli più giovani e interni alla chioma, per lasciar loro adeguato spazio e adeguate risorse dal punto di vista dell'aria e della luce. Meglio eliminare anche i rami che si sviluppano direttamente dalla corona dell'acero, per prevenire attacchi fungini e malattie nella pianta. Tutte le operazioni devono essere effettuate avendo cura di non danneggiare il colletto dei rami e compiendo tagli decisi con strumenti sterili: in questo modo le ferite potranno rimarginarsi più semplicemente, senza comportare infezioni.

  • Lavello da giardino Per tutti gli amanti del verde, il giardino è ancor prima che decorativo un luogo da vivere appieno, nel quale trascorrere il proprio tempo libero e del quale prendersi cura. Ma prendersi cura del gia...
  • Esempio di vaso di legno fatto a mano I vasi in legno rappresentano una validissima alternativa a quelli interamente realizzati con la plastica o il cemento. Naturalmente ha delle caratteristiche diverse, ed è proprio questo che andremo a...
  • Mobili da giardino Il web si ritaglia ogni giorno spazio crescente nella quotidianità, divenendo strumento utile ed affidabile per compiere moltissime azioni differenti. Anche l’acquisto tramite il web si sta sempre più...
  • giardinaggio Il giardinaggio comprende tutti quei metodi di coltivazione delle piante ornamentali di un giardino privato. Questi metodi si rifanno a tecniche molto antiche e solo recentemente più avanzate e modern...

Papillon 8260985 - Ingresso - la potatura curvo sega

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Periodo di potatura

Potatura acero La potatura va effettuata in diversi periodi dell'anno a seconda del tipo di intervento che si desidera effettuare e dello scopo della potatura stessa. E' importante rispettare questi momenti perchè la pianta deve poter essere nelle condizioni ottimali per poter sopportare l'intervento, che è comunque invasivo e fonte di stress. Gli interventi più decisi sono quelli legati alla definizione della forma dell'acero, che elimineranno anche i rami ormai improduttivi. Si tratta anche degli interventi più invasivi, in quanto in grado di danneggiare la pianta provocandone delle ferite: in questi casi è importante provvedere al taglio nel periodo compreso tra ottobre e dicembre, quando la pianta si trova nel periodo di riposo vegetativo e non sta ancora germogliando. In alternativa, la potatura può essere effettuata in giugno, quando la pianta è ormai abbastanza resistente e ha già compiuto parte del suo sviluppo annuale: in questo modo non verrà pregiudicata la salute dell'acero nei mesi seguenti. In questo periodo la potatura sarà di mantenimento, e dunque più contenuta, mentre nel periodo invernale si potrà provvedere con gli interventi più decisi.


Potatura acero: Potatura dell'acero giapponese

Potatura acero L'acero giapponese è forse più diffuso del suo “cugino” di maggiori dimensioni: l'intensa colorazione e le piccole dimensioni lo rendono perfetto per i giardini di piccole dimensioni, nei quali l'acero è di grande impatto visivo. Tuttavia, questa pianta, proprio per via delle piccole dimensioni e dello spazio ridotto nel quale solitamente viene coltivata, necessita di potature che ne tengano sotto controllo lo sviluppo e diano forma alla chioma in modo ordinato. Anche in questo caso, la potatura più decisa va effettuata nel periodo di riposo vegetativo della pianta, dunque in inverno, mentre a giugno si potrà provvedere ad un ulteriore intervento per contenere lo sviluppo e definire la forma più nel dettaglio. A questi due appuntamenti praticamente fissi con l'acero rosso, si può aggiungere un intervento in marzo: talvolta, con la ripresa del ciclo vegetativo, si troveranno dei rami morti anche se la pianta gode di ottima salute: è il caso di intervenire, eliminandoli per evitare che continuino a sottrarre energia alla pianta e per non creare eccessivi inestetismi. In generale, l'acero rosso tende comunque a crescere in modo abbastanza regolare e gli interventi saranno principalmente volti a compattarne la chioma.


Guarda il Video
  • acero nano oltre 200 specie di alberi e arbusti generalmente decidui, originari dell'Asia, dell'Europa e del Nord America; a second
    visita : acero nano
  • acero rosso giapponese Originario dell’Europa, della Cina, del Nord America e del Giappone, l’acero rosso appartiene alla famiglia delle Acerac
    visita : acero rosso giapponese
  • acero in vaso Salve, sono Marzia, nel mio terrazzo esposto a nord possiedo un giovane acero in vaso grande.Le foglie da qualche tempo
    visita : acero in vaso
  • acero rosso in vaso L'Acero rosso appartiene alla famiglia delle Aceraceae, una famiglia che comprende olre duecento specie. Questa famiglia
    visita : acero rosso in vaso

COMMENTI SULL' ARTICOLO