La siepe fiorita


partecipa al nostro quiz su: sai riconoscere i fiori?
sai riconoscere i fiori?

La siepe fiorita per eccellenza: il lauroceraso

Tra le specie ornamentali da siepe più largamente utilizzate, vi è senza dubbio tra i primi posti il Prunus laurocerasus. Questa specie arbustiva sempreverde, originaria dell’Asia, fu introdotta in Italia durante il XVI secolo come pianta ornamentale e, da allora, rappresenta la più funzionale specie adatta alle siepi (in alcune zone il lauroceraso cresce addirittura spontaneo). Non è per niente difficile incontrare il lauroceraso in piazze, giardini, enti pubblici, scarpate stradali; sebbene la pianta possa raggiungere notevoli dimensioni ed assumere un portamento arboreo, potata regolarmente si presta in modo eccezionale, mantenendo dimensioni cospicue e facilmente gestibili. La siepe fiorita del lauroceraso si può ammirare da aprile a giugno inoltrato, e le sue ampie infiorescenze a pannocchia, rivolte verso l’alto, sono formate da piccoli fiori bianchi o color crema, che sprigionano un intenso aroma percepibile a diversi metri di distanza. In autunno invece, le siepi si abbelliscono con le piccole bacche nere o bluastre.
Infiorescenze di lauroceraso

TecTake Set di 2 Arco giardino in ferro per rampicanti arco per rosa decorationi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,99€


La poligala

Siepe fiorita di poligala Ignorate per lungo tempo e recentemente tornate alla ribalta, le sempreverdi ascritte al genere Polygala possono rappresentare un’alternativa alle comuni siepi. Queste piante a portamento arbustivo, rampicante o strisciante (a seconda della specie) sono originarie del continente americano, ma in Italia si sono acclimatate da decenni, crescendo spontanee in zone incolte e pascoli in disuso. Risultano molto semplici da gestire e, le loro esigue cure, fanno di queste robuste piante delle ottime siepi. Hanno una crescita più lenta rispetto ad altre specie utili allo scopo, ma con un po’ di pazienza si otterranno risultati davvero notevoli. La fioritura inizia a marzo e si conclude agli inizi dell’autunno, ed in base alla specie si hanno particolari fiori (vagamente simili alle bocche di leone) di colore fucsia, rosa, bianco, giallo o azzurro. Coltivando più varietà di poligala una vicino all’altra, si avranno siepi multicolori e in continuo rinnovo per tutta la bella stagione.

  • conifere Le conifere sono piante Gimnosperme, cioè con i semi “nudi”, non protetti da un ovario. I loro semi non sono racchiusi da frutti, ma disposti sulle scaglie di un cono (da cui il nome volgare di conife...
  • ostrya carpinifolia Il carpino nero (Ostrya carpinifolia) appartiene alla famiglia delle Corylaceae, in particolare al genere Ostrya che conta sette specie diffuse in Asia e America oltre che in Europa. Il portamento var...
  • tagliasiepe a scoppio Il lavoro in giardino è un hobby molto diffuso che sta sempre più conquistando i gradimenti di persone che vogliono allacciare un rapporto diretto con la natura; del resto, ognuno di noi ha degli ante...
  • siepi Si vedono spesso in città, nei giardini privati e nelle zone rurali. Stiamo parlando delle siepi, interminabili filari di piante e arbusti creati sia a scopo decorativo che a scopo protettivo. Le sie...

TecTake Arco giardino in ferro per rampicanti Arco per rosa decorationi | - disponibile in diverse quantità- (4 Pezzi | no. 402661)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55,99€


Il lillà

Lillà in fiore Volgarmente chiamate "lillà", le rappresentanti del genere Syringa si utilizzano da tempi immemori come piante ornamentali in giardini, parchi e scarpate stradali. Il genere annovera circa trenta specie annuali, ma solamente la Syringa vulgaris è ampiamente usata in giardinaggio. Ha inoltre una modesta gamma di ibridi e cultivar, dai colori più disparati: bianco, rosa, fucsia, lilla e viola. La sua resistenza e rusticità, permette la creazione di siepi forti e rigogliose, a patto che siano esposte alla totale luce del sole, permettendo così uno sviluppo sano. La siepe fiorita di lillà si osserva in primavera (aprile-maggio) e, a seconda dell’altitudine, può durare fino a giugno o all’estate inoltrata. Anticamente, si pensava che il lillà fosse la dimora di fate o piccoli spiritelli della natura, ed era coltivata nei pressi di porte e portoni come augurio di buona sorte e per allontanare il male. Oggi è facile trovare il lillà in qualunque vivaio, a prezzi tra l’altro molto contenuti, ma ci vuole un po’ di tempo prima di ottenere una siepe di dimensioni notevoli.


L'oleandro

Siepe in fiore di oleandro Insieme al lauroceraso, un’altra specie estremamente comune sottoforma di siepe è l’oleandro. Il nome scientifico è Nerium oleander, ed è originario dell’Asia, ma attualmente vegeta spontaneo in tutto l’area mediterranea, isole comprese. Il portamento dell’oleandro è arbustivo o arboreo, ma quando coltivato a ridosso di scarpate stradali, aiuole o muri di cinta, è semplice contenerne la crescita e le dimensioni, mediante frequenti potature. L’oleandro produce fiori di notevoli dimensioni, riuniti in infiorescenze apicali composte da 5-15 elementi; più l’oleandro è vecchio, più la sua fioritura sarà abbondante e duratura. I colori variano dal bianco candido al rosa intenso, passando per il rosso, il crema ed il giallo canarino. Rustico e facile da mantenere, la sua fioritura abbellirà il giardino da aprile ad ottobre inoltrato.




COMMENTI SULL' ARTICOLO