Zucche ornamentali

Come irrigare

Le zucche ornamentali hanno bisogno di un rifornimento di acqua abbondante, facendo irrigazioni di rado ma profonde. È molto importante sapere che l'acqua fredda provoca un rallentamento della crescita delle zucche, così come gli abbassamenti improvvisi di temperatura. Dato che i fusti sono soggetti spesso a marcescenze, bisogna evitare di annaffiare le parti aeree e non creare ristagni idrici, piuttosto bagnare molto e non frequentemente la terra intorno alle piante, usando acqua a temperatura ambiente, durante le ore centrali e più calde del giorno. Per quanto riguarda la raccolta, viene effettuata tra settembre e ottobre, quando la pianta si secca, passati cinque mesi dalla semina. Le zucche ornamentali si espongono al sole in un luogo asciutto perché si asciughino diventando più utilizzabili.
Zucche ornamentali rete

Misuratore pH del suolo, Kit 3 in 1 per testare il terreno, l’umidità, la luce e il pH, attrezzo per giardini, prati, piante, erba, per interni ed esterni, 100% di precisione (senza batterie)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,6€


Come coltivare

Piante zucche ornamentali Per cominciare a coltivare le zucche ornamentali bisogna prima di tutto procurarsi le sementi, successivamente si prepara, durante la stagione invernale, la terra dove intendiamo seminare in primavera le nostre zucche. Il terreno dovrà essere molto ricco di nutrienti e a ridosso di una staccionata o ad una rete, poiché le zucche necessitano spesso di un sostegno robusto, oppure sui bordi dell’orto dove le piante potranno uscire con le loro foglie e ricoprire le parti incolte e ancora non utilizzate. Per quanto riguarda la semina delle zucche, va effettuata ad inizio primavera in un semenzaio, usando un terriccio adatto alla semina e inserendo i semi ad una profondità di due o tre centimetri, controllando che la punta sia rivolta verso il basso. Per facilitare la germinazione ed eliminare il rischio che marciscano, sarà necessario mantenere una temperatura al di sopra dei sedici gradi.

  • Esemplari di Cucurbita maxima Quando si parla di zucche, si usa un termine generico per indicare una moltitudine di specie diverse. Con il termine zucche, in genere, si intendono i frutti delle piante che appartengono alla famigli...
  • Campo barbabietola La barbabietola da zucchero è una coltura molto sensibile alle irrigazioni. Infatti per aumentare la produttività della barbabietola è indispensabile fornire la giusta quantità di acqua al momento più...
  • Salvia pianta La salvia è una coltivazione perfetta per l'orto e per il giardino. Questa pianta, quando fiorirà, sarà anche molto bella esteticamente ed abbellirà il nostro angolo di verde. Possiamo metterla a dimo...
  • Fioritura fagioli La semina dei fagioli andrebbe effettuata, per chi crede alle tradizioni popolari, in luna calante, come altre tipologie di piante appartenenti alla famiglia delle leguminose. In semenzaio possiamo in...

Elho 6927307736000 Tavolo da Coltura, XXL, Leaf Green

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,95€


Come e quanto concimare

Zucche ornamentali raccolto Le zucche ornamentali sono ortaggi molto esigenti riguardo la concimazione. Bisogna infatti interrare cinque quintali di letame ogni cento metri quadri, alla profondità di quaranta centimetri durante la preparazione del terreno, in alternativa al letame è possibile usare del compost ben maturato. Oltre a concimare sono necessarie frequentemente le sarchiature e le zappettature per far circolare l’aria, pulire il terreno e mantenere la terra libera dalle erbe infestanti. Una volta iniziata la produzione, è possibile somministrare nitrato di potassio due volte, aspettando dieci giorni tra una concimazione e l’altra. È sconsigliato ripetere la coltivazione di zucche ornamentali sullo stesso terreno prima di tre anni e si può consociare con successo alla patata, al pomodoro e al fagiolo.


Zucche ornamentali: Possibili malattie e rimedi

Parassita zucca Le zucche ornamentali hanno le medesime problematiche della zucca commestibile e delle zucchine, ovvero gli afidi, le virosi e l’oidio, oltre al problema delle sole zucche chiamato peronospora. Gli afidi vanno eliminati perché possono trasmettere le virosi che danneggerebbero gravemente la pianta, per difendersi bisogna usare forbici da giardinaggio pulite e disinfettate prima di ogni potatura e raccolta. L’oidio invece è una malattia funginea che si presenta con una polvere bianca sul fogliame e fa marcire le zucche, perfino dopo averle raccolte. Si combatte con lo zolfo somministrato la mattina e la sera, evitando in questo modo le ore più calde. La peronospora porterebbe la pianta a morte veloce e si previene con il rame direttamente sulle piantine appena nate. Il marciume del colletto è una malattia che colpisce durante la primavera ed è causato dall'umidità.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO