Cece

Cece: caratteristiche generali

Il testo è una pianta erbacea appartenente alla famiglia della Fabacee. Il nome deriva dal latino cicer, e pare che questa pianta allo stato selvatico fossero originarie della Turchia, mentre la coltivazione del cece risalirebbe all'età del bronzo, diffondendosi successivamente nel mondo allora conosciuto. La pianta presenta un andamento annuale e può raggiungere un'altezza che può variare tra i 40 e gli 80 cm. Il cece possiede una radice molto profonda che può diramarsi nel terreno fino a un metro e venti. Gli steli si propagano in molte ramificazioni ricoperte di una fitta peluria. Le foglie sono opposte, di forma ellittica e denticolate. I fiori si sviluppano nell'incavo ascellare delle foglie, possono essere rotondeggianti, lisci oppure rugosi. I fiori possono essere bianchi, rossi o rosei.
ceci

Probios Caserecce Ceci - 3 pezzi da 250 g [750 g]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,97€


Cece: come si coltiva?

cece di Capitignano Scoprire qualcosa in più riguardo al modo di coltivare questa pianta, può essere fondamentale per conoscerla meglio, e allo stesso tempo, può magari aiutarci a mettere su la nostra piccola coltivazione di cece nel caso in cui trovassimo irresistibili le sue proprietà fitoterapiche. Per prima cosa bisogna considerare che il cece è una leguminosa che predilige per il suo sviluppo ambienti semi-aridi e che tollera molto male il freddo. Proprio per questo deve essere seminato nelle zone a clima temperato ala fine dell'inverno. Il seme va piantato, facendo attenzione a non spezzarlo, a 5, 7 cm di profondità, le filari invece dovrebbero distare tra di loro almeno 40 cm. Una volta che la pianta ha raggiunto la maturità si può procedere alla raccolta, che si effettua estirpando il cece o sgranandolo dopo averlo fatto seccare.

    Le belle Cece

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,42€
    (Risparmi 1,48€)


    Cece: proprietà benefiche

    Ma quali sono le proprietà fitoterapiche del cece e dei suoi frutti? Le qualità benefiche di questa pianta sono molte, in quanto essa contiene tra i suoi principi attivi minerali come zinco, calcio, magnesio, potassio, fosforo, ferro e selenio. Oltre ad essere una preziosa fonte di minerali, poi, il cece è anche ricco di alcune proteine fondamentali come la vitamina C, K, E, B. Infine si vuole segnalare la presenza di importantissimi amminoacidi tra cui ricordiamo la leucina, l'acido glutammico, la valina e la serina. Grazie alla presenza di queste sostanze il consumo dei frutti del cece risulta essere particolarmente indicato per combattere il colesterolo cattivo, prevenire rischi di infarto e di aritmie cardiache. I ceci inoltre contribuiscono a mantenere la naturale regolarità intestinale.


    Cece: come si utilizza?

    ceci neri Ma come si utilizza esattamente il cece? Quali sono le modalità di assunzione? Per prima cosa bisogna specificare che la parte del cece utilizzata in fitoterapia sono sempre e comunque i suoi frutti: i ceci. L'assunzione, poi, è fondamentalmente di carattere alimentare. I ceci devono essere bolliti per molte ore prima di poter essere consumati. Un altro modo di utilizzare questa pianta è sotto forma di farina. La farina di ceci si ottiene attraverso la macina dei frutti essiccati, e non viene utilizzata solo con scopi alimentari. La presenza di altre sostanze denominate saponine infatti, rende questa farina un'importante ingrediente nella preparazione di alcuni prodotti di bellezza. Si possono infatti trovare in commercio detergenti o saponi a base di ceci, ma anche shampoo completamente ecologici.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO