Infuso malva

Infuso di malva

Per ottenere l'infuso di malva occorre far bollire mezzo litro d'acqua in un pentolino. In seguito aggiungere circa 20 grammi di malva essiccata facilmente acquistabile in erboristeria e lasciare in infusione per 7 minuti. Per eliminare tutti in residui di foglie, filtrare con un colino. Lasciare raffreddare e bere. L'infuso di malva si presenta con un colore violaceo dovuto ai fiori che tende a scomparire quando si aggiunge lo zucchero o il miele per dolcificare. Il gusto è molto gradevole. Per un infuso specifico contro i malanni stagionali quali tosse, febbre e raffreddore, basterà aggiungere 3 cucchiai di foglie e fiori ad una tazza di acqua bollente e lasciare in infusione per 10 minuti. Se si ha bisogno di un rimedio contro la stitichezza è necessario un solo cucchiaino di fiori di malva in 100 ml di acqua da tenere in infusione per almeno 15 minuti.
Infuso di malva

Vivibio Infuso Malva e Limone - 20 Filtri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,29€


Altri usi della malva

Altri usi della malva Combinando la malva con altri prodotti naturali è possibile ottenere degli infusi ancora più efficaci. Aggiungendo 3 gocce di olio essenziale di timo e 1 cucchiaio di bicarbonato si potrà trovare sollievo dalla tosse, e con gli stessi ingredienti si potrà realizzare anche un suffumigio per liberare le vie respiratorie da muco e catarro. In caso di stitichezza persistente si può assumere l'infuso con un cucchiaino di semi di lino ogni mattina per circa una settimana. La malva ha una potente azione lenitiva, per questo l'infuso può diventare una lozione efficace contro acne e irritazioni della pelle. L'importante è avere cura di conservarlo in frigo. I germogli di malva possono essere utilizzati in cucina sia cotti che crudi, inoltre sono molto apprezzati dagli chef per la preparazione di risotti e minestre dal gusto prelibato.

    Maraviglia Infuso di foglie di Malva, 15 buste filtro

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,7€


    Pianta di malva

    Pianta di malva La malva è una pianta molto diffusa nelle zone tropicali e sub tropicali in grandi cespugli. E' caratterizzata da un fusto eretto e da foglie ricoperte di peluria. I fiori hanno un colore che tende al viola e hanno la particolarità di seguire il movimento del sole come i girasoli. I cespugli di malva possono essere alti anche 1 metro. Per essere utilizzati in fitoterapia i fiori devono essere raccolti all'inizio della fioritura, successivamente devono essere posti al buio per breve tempo per permettere l'essiccazione. La malva è molto semplice da coltivare e per sfruttare al meglio tutte le sue proprietà benefiche viene fatta crescere a livello industriale. Prima di acquistare i fiori e le foglie secche è consigliabile accertarsi circa la sua provenienza e la coltivazione di tipo biologico e senza pesticidi.


    Infuso malva: Effetti collaterali della malva

    Effetti collaterali della malva Fortunatamente non sono ancora stati riscontrati effetti collaterali dovuti all'assunzione scorretta di infusi di malva. Tuttavia è consigliabile non esagerare con le dosi consigliate e di consultare il medico in caso si avvertano strani sintomi. Rispetto a molte altre erbe il suo consumo è consigliato in gravidanza in quanto contrasta la stipsi e la ritenzione idrica e ai bambini che hanno la tosse. E' preferibile acquistare i fiori in erboristeria e di non affidarsi al fai da te in quanto la procedura di essiccazione è piuttosto insidiosa. Un altra particolarità delle foglie e dei fiori di malva è che se non colti nel periodo giusto tendono a non presentare tutte le straordinarie proprietà benefiche e a perdere parte dei suoi principi essenziali quali potassio, flavonoidi, carotene, e anche le vitamine B1, B2 e C.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO