Tintura madre biancospino

La natura ed i suoi mezzi

La natura circonda noi esseri umani con un mondo vasto e vario che per fortuna offre una serie infinita di soluzione per la nostra esistenza; in effetti, anche se l’uomo da sempre si sente “stretto” su questo pianeta e cerca continuamente di scoprire nuove risorse, di “crearne” (anche se questa parola come ben sappiamo non può essere collegata all’attività di noi umani in quanto al massimo possiamo trasformare materia già esistente sul pianeta Terra e non crearne altra dal nulla) altre, la natura ci ha sempre fornito il necessario per vivere e se non fosse stato così di certo non saremmo arrivati a dove siamo oggi, con una storia di migliaia di anni alle spalle fatta di un livello di evoluzione superiore a tutte le altre forme di vita. Per far ciò la natura ha impiegato i suoi mezzi, primo di tutti un grandissimo potere vitale che ha fatto sì di avere tantissime forme viventi diverse tra cui trovare tutte le risorse necessarie per la vita di noi umani. Sembrerà strano ma i mezzi naturali vanno anche oltre il visibile, in quanto anche parti del nostro mondo che riteniamo inutili o addirittura fastidiose a volte si rivelano con un importante senso nel quadro generale della vita, come l’edera o le zanzare.
bellissimo biancospino

Tintura Madre Di Biancospino 10 Per Ansia Ed Insonnia 50 Ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,63€


Erboristeria e salute

fiori biancospino Per un secolo abbondante (il ventesimo) l’uomo ha intrapreso la strada che lo ha portato lontano dalla natura, in quanto non solo fisicamente ha deciso di trasferirsi dalle campagne alla città, ma anche come concetti e stili di vita gli esseri umani hanno iniziato a pensare e ad agire in maniera meno naturale, ovvero preferendo un cibo inscatolato e lavorato a quello fresco ed appena colto in campagna, oppure si sono avvicinati ai tessuti per vestiti nuovi ed innovativi invece che abbigliarsi con le fibre naturali di altissima qualità che siamo in grado di avere. Più che una vera distanza fisica dalla natura (oggettivamente impossibili perché tutto ciò che ci circonda è natura), si tratta di un approccio totalmente diverso. Per fortuna nell’ultimo decennio molte persone si sono rese conto che anche la cura della persona e del suo benessere si stava troppo spostando verso l’artificialità, non tanto con i medicinali che sono fondamentali ma con quei prodotti come creme, lozioni per il corpo e simili di cui la natura è ricca e ci può fornire un prodotto efficacissimo ma soprattutto totalmente naturale.

  • Esemplare isolato di Gelso Il gelso appartiene alla famiglia delle Moracee ed al genere Morus, all’interno del quale si annoverano soprattutto due specie: il gelso bianco (Morus alba) ed il gelso nero (Morus nigra).Il primo è...
  • craetegus mon Il biancospino comune appartiene alla famiglia delle Rosacee, al genere Crataegus ed alla specie monogyna. È un arbusto, o un albero di ridotte dimensioni, alto al massimo 6-7 m, caratterizzato da un ...
  • carpinus betulus Il carpino bianco appartiene alla famiglia delle Betulacee, al genere Carpinus ed alla specie betulus. È un albero di grosse dimensioni, alto fino a 20-25 m, caratterizzato da uno sviluppo lento, da u...
  • oidio1-1 Le piante possono essere attaccate da insetti, virus, batteri e funghi. Questi ultimi, una delle forme di vita più elementari sulla Terra, hanno un comportamento parassitario, cioè vivono nutrendosi d...

L'ISOLA VERDE - TINTURA MADRE DI BIANCOSPINO FIORI E FOGLIE 50ML

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


Tintura madre di biancospino

Un esempio del discorso appena introdotto che abbraccia anche un po’ di medicina (anche se, e lo ripetiamo, non vogliamo nemmeno lontanamente suggerire di abbandonare la medicina classica che è l’unica vera strada per curare le malattie, noi parliamo solo di integrazione al massimo) è quello del biancospino: questa pianta arbustiva (non arriva mai oltre i quattro metri di altezza nel migliore dei casi) che cresce spontanea un po’ ovunque sul territorio italiano ha dentro di sé una particolare combinazione di sostanze nutrienti che si è dimostrata preziosa per aiutare l’organismo umano ed il suo apparato cardio-circolatorio, riuscendo ad integrare perfettamente l’azione di molti medicinali e di diete fatte apposta per influenzare positivamente la qualità della circolazione sanguigna. In erboristeria ci sono tanti modi con cui concentrare ed estrarre le sostanze positive dalle piante e quella più diffusa per il biancospino è la tintura madre, ovvero una soluzione di acqua, alcool (gradazione medio-elevata) e parti di pianta che, grazie soprattutto all’azione dell’alcool, scaricano le sostanze nutrienti che quindi passano in soluzione in modo da poter essere facilmente conservate e soprattutto assunte. In erboristeria è questa la forma più venduta, considerando poi che ogni confezione ha la sua concentrazione e quindi la posologia è diversa.


Tintura madre biancospino: Cosa contiene

L’azione sull’apparato cardio-circolatorio che la tintura madre di biancospino può vantare è di una certa importanza, in quanto questo apparato è davvero vitale, anche perché una sua piccola defaillance comporta immediatamente un danno grave al corpo, nel migliore dei casi un angina pectoris oppure un ictus. Il biancospino è ottimo perché permette la dilatazione dei vasi sanguigni sia in entrata che in uscita dal cuore (quindi vene ed arterie), evitando perciò il pericolo di congestione e blocco che sono poi alla base di infarti e tutti gli altri malanni del cuore ed apparato circolatorio; non solo, ciò provoca anche una diminuzione della pressione sanguigna, altra azione preziosa soprattutto per coloro che soffrono di ipertensione. Il mix positivo di sostanze che esplica poi questi effetti costruttivi su pressione arteriosa, dilatazione dei vasi eccetera è composto da: triterpeni, flavonoidi, catechine, acidi fenolici, aminopurine, amine ed anche altri oli essenziali minori per quantità. Una curiosità dell’utilizzo del biancospino è che a differenza di molte piante usate in erboristeria per fare la tintura madre non bisogna far prima seccare le parti della pianta interessate (nel caso, foglie e fiori) perché in questo modo perdono molte di queste sostanze elencate e l’azione sarebbe molto meno interessante.



COMMENTI SULL' ARTICOLO