Concimazione frumento

Frumento

Il frumento è uno dei cereali più coltivati nel mondo ed ha una resa produttiva che supera di gran lunga quella di altri cereali considerati minori rispetto al frumento. In base alla varietà di frumento coltivata e prodotta si distinguono il grano duro ed il grano tenero. Entrambi vengono utilizzati nell’alimentazione umana ed il grano duro contiene più proteine rispetto al grano tenero. Dal grano duro vengono prodotti semole e semolati, mentre dal grano tenero si ottengono delle farine. Le farine di frumento vengono utilizzate per la panificazione e per la produzione di pasta, dolci e biscotti. In particolare, il grano duro, è conosciuto ed utilizzato per la preparazione di pasta alimentare e pane. I componenti principali della farina di frumento sono il glutine, l’amido, la destrina, gli zuccheri, le sostanze minerali, piccole quantità di sostanze grasse, vitamine, fosfati e sostanze coloranti. Grazie alle nuove tecniche di macinazione, dalla cariosside, si separa il germe e, da esso, si ricava un olio di colore giallo scuro che viene utilizzato nella produzione di saponi. C’è da dire, inoltre, che dalla coltivazione del frumento ne deriva anche la paglia. Essa viene utilizzata per riempire le lettiere dei bovini nelle stalle, per la fabbricazione della carta e per la preparazione della crusca.
frumento

Cornunghia 2/8 mm (25 kg), concime per orto, piante e fiori

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44€


Concimazione

coltivazione frumento La qualità produttiva del frumento è strettamente legata alle concimazioni, ovvero agli elementi nutritivi che vengono somministrati e che sono indispensabili per la crescita del cereale. La concimazione è una pratica culturale che riveste una fondamentale importanza nella coltivazione delle piante. E’ una fase delicata del loro ciclo vitale soprattutto se, la pianta, subisce degli effetti negativi su di essa che dipendono da condizioni climatiche o dalle cattive condizioni del terreno utilizzato per le coltivazioni. Delle accurate ed ottime concimazioni garantiscono una buona resa produttiva sia qualitativamente che quantitativamente parlando. Gli elementi indispensabile nella coltivazione del frumento sono l’azoto, il fosforo ed il potassio, in alcuni casi anche lo zolfo. L’azoto è l’elemento per eccellenza che riveste il ruolo più importante per la qualità del frumento. Un buon produttore dovrebbe sapere queste cose e dovrebbe essere a conoscenza delle quantità di elementi nutritivi da apportare. I quantitativi dipendono da alcuni fattori, ovvero il tipo di terreno, la fertilità, i fattori climatici, gli interventi previsti e altre caratteristiche. La regola principale che garantisce un’ottima produzione di frumento è quella di fornire azoto, fosforo e, quando occorre, potassio in fase di preparazione del terreno o durante la semina.

  • concimazione2-1 La concimazione è una pratica fondamentale nel giardinaggio e in agricoltura. Consiste nel somministrare, al terreno e alle piante, delle sostanze in grado di migliorare la composizione del suolo e di...
  • concime naturale Le piante sono una delle forme di vita più straordinarie che la Natura possa vantare; tralasciando l’essere umano, che ha subito una fortunata e particolare evoluzione che lo ha portato ad essere il p...
  • oliva Il mondo naturale è già di per sé un fenomeno straordinario, visto che la natura (protagonista e creatrice di questo mondo) è riuscita da sola a creare tutto ciò che vediamo; le piante, che sono una p...
  • agrumeto Uno dei vanti d’Italia sono gli agrumeti che producono frutti grossi e profumati nelle nostra terre; noi non siamo per nessuna distinzione né discriminazione tra nord e sud, però c’è da dire che quest...

HUMUS DI LOMBRICO KG 11 LT 20 - TUTTO NATURALE-

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11€


Importanza dell'azoto

Il frumento ha bisogno di una giusta concimazione a base di azoto sia nella fase di pre – semina e sia nella fase di raccolta.Concimare il frumento con fertilizzanti a base di azoto non è per niente una cosa facile dal momento in cui non è semplice stabilire la quantità di azoto che va somministrata al terreno e alla pianta. Le quantità da somministrare dipendono dal tipo di terreno utilizzato per le coltivazioni e dalle condizioni climatiche in cui ci si trova a crescere la pianta. La quantità di azoto ideale da somministrare alla pianta varia anche in base alla piovosità di quella zona. Infatti, nelle zone piovose, la maggior parte dell’azoto viene dilavato e quindi non è più assorbibile dalle radici della pianta. Per evitare queste problematiche, i ricercatori e gli esperti, hanno “creato” un concime con un inibitore della nitrificazione. Ciò permette di stabilizzare la molecola di azoto garantendo il rilascio alla pianta prima che avvenga qualsiasi tipo di reazione chimica che favorisce la formazione di nitrati. Attraverso questo procedimento, le perdite di concimi azotati, risultano sempre più ridotte.


Concimazione frumento: Concimi: quali e come usarli

I concimi da utilizzare sono i fertilizzanti nitrici, organici, ammoniacali e nitroammoniacali a lento rilascio o a rilascio controllato. I concimi nitrici sono quelli che subiscono perdite maggiori, quelli organici non sono sempre disponibili e sono quelli che durano di più, quelli ammoniacali sono simili a quelli organici, quelli nitro ammoniacali sono quelli che perdono immediatamente parte dell’azoto. I fertilizzanti a rilascio lento o a rilascio controllato sono quelli che vengono diluiti nell’acqua e vengono rilasciati in modo molto più lento rispetto a quelli di azoto nitrico. La concimazione del frumento avviene secondo tre fasi: dalla semina alla levata, dalla levata alla fioritura e dalla fioritura alla raccolta. Nella prima fase, la pianta, assorbe poche sostanze nutritive compreso l’azoto. Va effettuata tra il periodo autunnale ed il periodo invernale e va apportata una quantità minore di azoto. Fertilizzanti a base di azoto vanno somministrati anche nel periodo di pre – semina ma in quantità limitatissime. In caso di pioggia la concimazione da effettuare è ben diversa, vanno somministrati per metà concimi ammoniacali e per l’altra metà dei concimi nitrici. I fertilizzanti nitrici devono essere somministrati dopo circa un mesetto dal periodo di levata.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO