Fertilizzante naturale

Il bio

Da qualche anno a questa parte una grossa fetta della società, intesa come popolazione, industrializzata ha cominciato a rinegare, a distanziarsi da quanto essa stessa aveva creato, ovvero l’ “artificiale”; sotto questo nome, in questa sede, intendiamo raggruppare tutto quanto non è naturale ma è stato prodotto dall’uomo attraverso, nella stragrande maggioranza dei casi, dei processi industriali. Ecco perché diciamo che ci si distanzia da quanto noi stessi abbiamo prodotto, perché effettivamente, lasciando fare tutto alla natura, ne deriverebbero solo cose “naturali”, per l’appunto, mentre noi, attraverso ricerca, tecnologia ed esperimenti vari, abbiamo creato l’ “artificiale”. Tutto filava e fila ancora oggi liscio, finchè non arrivano due stop: il primo si ha quando qualcosa che produciamo artificialmente o fa male direttamente alla salute umana oppure uno dei processi atti a produrlo è fortemente inquinante, sia per l’uomo che per l’ambiente; ciò è abbastanza grave, ma è sul secondo stop che ci concentriamo in questo articolo: quando l’artificiale invade il campo del nostro cibo. Ovviamente, intendiamoci, non abbiamo scoperto il cibo prodotto industrialmente (a cui per fortuna, almeno in larga scala, non siamo ancora arrivati), ma di processi industriali per modificare il cibo e di altre aggiunte chimiche per produrlo; tutto ciò che è esente da questo è “bio”.
base del compost

10 kg ≙ pellet letame 15,4 L HORSIT Pellet fertilizzante per cavalli, Concime universale Premium NPK Concime naturale Fertilizzante a lungo termine di sterco di cavallo - consentite nell'agricoltura biologica (sacco da 10 kg)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,99€
(Risparmi 8€)


Artificio e cibo

letameIn questo secondo paragrafo vogliamo specificare, esplicitando, tutto ciò che rende artificiale i nostri cibi, ovvero tutto ciò da cui il “bio” si distanzia. Ci sono due cose su cui ci si concentra, ovvero i trattamenti di modifica industriale e quelli che si attuano durante la crescita per migliorare e/o aumentare la produzione. Per i trattamenti di modifica ci basti pensare ad un cibo comunissimo come la passata di pomodoro, con cui soprattutto noi Italiani conviviamo praticamente tutti i giorni: una cosa è se essa è prodotta come facevano i nostri nonni, scegliendo uno ad uno, lavando, cuocendo e pestando i pomodori manualmente, con strumenti piccoli e facili anche da autocostruirsi, mentre tutt’altro è quando i pomodori sono lavorati industrialmente, gettando nel “calderone” ogni cosa somigli anche vagamente ad un pomodoro, sacrificando un briciolo di qualità (poi corretta con aggiunte varie quali conservanti, coloranti eccetera) per la quantità. Per migliorare ed aumentare la produzione solitamente si fa uso, in campo vegetale, di diserbanti chimici e fertilizzanti artificiali, mentre in campo animale, di cibi sotto forma di integratori e, nei casi estremi ed illegali, di ormoni per aumentare la massa degli animali.

  • lavandacampo Il termine “fertilizzazione” si riferisce a delle procedure che tendono migliorare la composizione del terreno ed a renderlo più adatto alla crescita della pianta. Fertilizzare vuol dire, dunque, rend...
  • concimifertilizzanti1_zpscbaab65e I concimi fertilizzanti sono delle sostanze dotate di una doppia proprietà: nutrizione delle piante e correzione delle caratteristiche chimico fisiche del terreno. In agricoltura e giardinaggio i conc...
  • Cenere concime I concimi più diffusi e talvolta anche i più efficaci sono quelli naturali: ne è prova la cenere di legna, utilizzata sin dai tempi antichi e considerata ancora oggi una preziosa risorse per i coltiva...
  • Fertilizzanti per le piante I fertilizzanti sono una delle risorse più preziose per gli amanti del verde, dei validissimi compagni che aiutano nella coltivazione e permettono di far crescere al meglio tutte le piante. Una perfet...

Melassa di Canna Zucchero 7kg, Arricchita con Minerali, Fertilizzante Naturale e Organico, Molasses. Prodotto CE.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,9€


Fertilizzante naturale

Bisogna dire che quella del “bio” è anche una moda, o almeno come tale si è molto diffusa; non è un aspetto positivo, perché testimonianza l’ignoranza di tanta gente che invece di analizzare le idee e le proposte per ciò che sono, le segue solo quando diventano mode. Nell’ambito del cibo bio, esso ha avuto un maggiore successo per l’agricoltura (rispetto all’allevamento animale, il quale è parte di una grossa fetta dell’industria del cibo e deve per forza garantirsi grandi numeri), la quale è diventata un vero caposaldo di questa cultura. Pezzo forte dell’agricoltura bio è il fertilizzante naturale: effettivamente i fertilizzanti artificiali sono quanto di peggio ci possa essere per la genuinità di un prodotto, in quanto è vero che aiutano a tenere lontano malattie ed insetti infestanti, ma dall’altro lato lo fanno con sostanze che in alcuni casi si sono rivelate tossiche, per accumulo, nell’essere umano. Purtroppo fino a circa gli anni Ottanta ed anche i Novanta, ne sono stati utilizzati in quantità spaventosa, e soprattutto ne erano in uso alcuni che erano veleno allo stato puro, per gli insetti ma anche per alcune funzionalità del corpo umano. Ebbene, il marchio “bio” sui fertilizzanti ne garantisce l’uso naturale.


Cos'è e come produrlo

Ma l’agricoltura bio consente o non consente l’uso di fertilizzanti? Certo che si: infatti i fertilizzanti sono in uso da sempre nel mondo dell’agricoltura, anche prima che fosse inventata la chimica industriale. Come è possibile tutto ciò? Semplicemente utilizzando del fertilizzante naturale, che spesso è anche il migliore possibile. Dai nostri nonni abbiamo per esempio imparato che il miglior fertilizzante è il letame di grossi animali da fattoria, come i buoi, le mucche ed i cavalli; forse essi lo scoprirono perché i campi in cui pascolavano questi animali erano sempre i più produttivi, ma a noi interessa che ciò funziona davvero: oggi potremmo mescolare un pizzico di letame due volte l’anno anche nella piantina sul balcone, perché le sostanza nutrienti ed i batteri che contiene sono un vero aiuto, DEL TUTTO NATURALE, per la pianta. Un altro tipo di fertilizzante naturale è il compost; bisogna precisare che questo è quasi artificiale, nel senso che l’uomo ha studiato un metodo per velocizzarne la formazione, ma senza aggiungere nulla a livello di prodotti, perciò è bio: si tratta di residui di cibo (bucce di frutta, legumi eccetera) mischiati con scarti del giardino (foglie secche, rami e fiori da potatura) che insieme per mesi danno vita a reazioni naturali che portano ad ottenere un terriccio profumato e molto produttivo.




COMMENTI SULL' ARTICOLO