Oidio rose

Oidio

L'oidio è una delle malattie che più spesso mettono a repentaglio la vita e la salute delle rose: lo sviluppo della malattia presenta sintomi evidenti e facilmente riconoscibili. Le foglie e i rami colpiti presentano infatti macchie composte da una muffa biancastra, che tendono ad espandersi fino a ricoprire interamente la foglia o il ramo. Allo stesso tempo, ne provocano la marcescenza e la progressiva morte. L'infezione si rivela evidente anche sui boccioli, che non si schiudono oppure lo fanno dando vita a fiori molto piccoli, mentre sui fiori già sbocciati compariranno le macchie che causeranno una prematura caduta. La malattia si trasmette mediante i conidi che vengono trasportati dal vento e che facilmente attecchiscono su tessuti sani, mentre nel periodo di riposo vegetativo i conidi infetti sopravvivono sui rami e sulle foglie caduti di una pianta già colonizzata.
Oidio rose

Rose Clear Ultra 200 ml Systemic Insecticide and Fungicide Liquid Concentrate

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,44€


Cura e prevenzione

Oidio roseLa prevenzione dell'oidio avviene prevalentemente in campo agronomico, con la messa in atto di comportamenti che facilitano il corretto e sano sviluppo della pianta senza ricorrere, quando non necessario, all'utilizzo di prodotti che possono risultare aggressivi anche per la vegetazione. E' importante rimuovere le foglie e i rametti caduti, che potrebbero dare origine alla diffusione di un disturbo magari inizialmente localizzato, evitando anche i ristagni d'acqua che favoriscono anche lo sviluppo di funghi e di parassiti. Anche la potatura è un importante strumento di lotta alle malattie, poiché favorisce il ricircolo dell'aria tra le foglie e una crescita più sana per le piante interessate. Allo stesso modo, una concimazione azotata sarà utile per la crescita delle rose, ma non deve essere eccessiva per non favorire lo sviluppo della malattia.

  • rose-rampicanti Le rose sono una specie vegetale che comprende circa 150 diverse varietà e un numero indefinito di ibridi che sono stati creati nel corso dei secoli. Appartenenti alla famiglia delle rosaceae, le ros...
  • rosa1 La rosa, splendida pianta a fiore appartenente al genere delle Rosaceae, comprende più di duemila specie originarie dell’Europa e dell’Asia. Tratteggiare le caratteristiche delle varie specie di rose...
  • roseto1 Per roseto, o rosaio, si intende una particolare piantagione fatta da un insieme di rose dal portamento e dai colori differenti. Il roseto ha accompagnato i giardini dell’antica aristocrazia e contin...
  • elettrosega Il giardino è uno straordinario luogo di svago per il corpo e soprattutto per la mente; infatti in esso possiamo ritrovare quel contatto con la natura, cosa che più di ogni altra riesce a donarci pace...

Bayer Emerald 40 EW Fungicida per giardino, orto e frutteto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,64€


Oidio rose: Interventi chimici

Oidio roseSe le misure preventive e di carattere agronomico non risultano sufficienti e la malattia si manifesta, sarà necessario intervenire tramite una mirata e specifica lotta chimica. In tal caso si utilizzeranno prodotti specifici a base di zolfo e di triazoli o di primidilici. L'utilizzo degli agenti chimici dovrà probabilmente avvenire più volte prima di poter debellare il disturbo. Ricorrere a prodotti chimici può rivelarsi utile anche in fase preventiva, con i trattamenti da applicare all'inizio della primavera e ripetere a distanza di tempo nel corso della stagione più fertile della pianta, che corrispondono anche ai periodi di maggiore rischio di diffusione dell'oidio. E' consigliabile ricorrere ai trattamenti nelle ore preserali, nebulizzando in modo molto accurato le piante per fare in modo che il prodotto penetri tra le foglie e si diffonda a proteggere l'intero organismo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO