Tecniche di potatura

Scopi della potatura

La potatura è un'operazione fondamentale per la salute della pianta, che però deve rispondere alle sue specifiche esigenze: non è possibile individuare una sola tecnica oppure delle regole che possano essere valide in modo indiscriminato per qualsiasi pianta, ma occorre studiare delle soluzioni specifiche a seconda delle caratteristiche non solo della specie, ma anche del singolo individuo vegetale. Si terranno in considerazione lo stato di salute, l'età, lo sviluppo della pianta: la potatura è un'operazione su misura che risponde alle esigenze della pianta e la prepara ad affrontare al meglio le diverse stagioni. Non tutte le piante necessitano di potatura: essa può essere utile per contenere lo sviluppo della pianta ed imporre una forma alla chioma, ma anche per funzioni di maggiore importanza: è il caso della potatura che permette di sfoltire l'interno della chioma, in modo tale che l'aria e la luce solare possano filtrare in abbondanza e creare un microclima adatto a mantenere la salute della panta e ostile allo sviluppo di parassiti, che possono indebolire e perfino uccidere la pianta. Ancora, la potatura può essere sfruttata, in alcuni casi specifici, per eliminare i rami colonizzati dai parassiti, purché essi si trovino ancora in un'area chiaramente localizzata.
Tecniche di potatura

Crenova SH-01 Cesoie per Potatura con Lama in Metallo Pesante, Ideale per Potatura del Giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 10€)


Tipi di intervento

Tecniche di potaturaPotare una pianta non significa solamente eliminare dei rami superflui o tagliare quelli che le conferiscono un aspetto disordinato: la potatura deve rispondere alle specifiche esigenze della pianta, nel rispetto delle sue caratteristiche. Gli interventi saranno quindi più o meno invasivi a seconda della ragione per la quale si pota e della robustezza della pianta. In linea generale, le piante che tendono ad avere uno sviluppo molto rapido e poco ordinato saranno quelle che subiranno gli interventi più decisi, per lasciare spazio alle nuove generazioni di rami senza che l'intera pianta si appesantisca ed indebolisca. Quando le piante sono molto giovani la crescita sarà più rapida e di conseguenza la potatura, in questa fase, servirà a definire la chioma e ad attribuirle una forma regolare e ordinata, iniziando a stabilire la forma che la pianta dovrà conservare anche da adulta. In caso di rami malati o danneggiati ed infetti, il taglio sarà utile per eliminare il ramo senza che il problema si estenda a tutto il resto della pianta. Un'attenzione particolare va posta alla potatura di produzione, dal momento che andrà ad influire sulla crescita dei frutti. In questo caso può essere utile una potatura che facilita la crescita nella parte più bassa e che limita la produzione apicale, in modo tale che anche la raccolta sarà più semplice.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Ramo di Ulivo L’olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae comprendente circa 30 generi, tra cui Fraxinus, Jasminum, Phillyrea Syringa, Ligustrum ed Olea. La specie Olea europaea presenta diversi aspetti morfolo...
  • Vite con uva La vite europea (Vitis vinifera sativa) appartiene al genere Vitis, famiglia delle Vitaceae, che è distinto in due sottogeneri: Muscadinia (comprendente le specie Vitis rotundifolia, Vitis munsoniana ...

INNESTATRICE 3T + INN. COMPLEMENTARE + Guida all'Innesto = 4 Tipi d'Innesto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,8€


Strumenti

Tecniche di potaturaDurante la potatura è fondamentale utilizzare gli strumenti appropriati: tale esigenza viene spesso sottovalutata e le conseguenze possono essere estremamente negative per la pianta. A seconda delle operazioni che si devono compiere si utilizzeranno forbici e cesoie di diverse dimensioni e che possono favorire una maggiore o minore potenza compiendo minimo sforzo. Per le piante ad alto fusto o le siepi di ampie dimensioni si possono invece utilizzare forbici apposite con manici molto lunghi che permettono di raggiungere anche i rami più alti. La scelta dello strumento idoneo permetterà non solo di ridurre lo sforzo e rendere agevoli le operazioni, ma anche di compiere dei tagli netti e precisi: questo aspetto è molto importante e bisogna tenerne conto quando ci si appresta ad eseguire le operazioni di potatura. I tagli sfilacciati rendono più difficile la rimarginazione di quelle che sono a tutti gli effetti delle ferite; esse restano dei ricettacoli aperti per parassiti e malattie. La presenza di ferite può anche essere un elemento che indebolisce la pianta e quindi renderla più debole, anche se in modo indiretto, favorendo la diffusione di parassiti e di malattie. Per aiutare la pianta a riprendersi in modo rapido dalla potatura, specie se invasiva e se eseguita anche su rami di grandi dimensioni, si può ricorrere all'apposito mastice che favorirà la cicatrizzazione rapida.


Tecniche di potatura: Quando potare

Tecniche di potaturaLa potatura, come visto, è un'operazione invasiva e comunque, anche se lieve, mai priva di stress per la pianta, che deve poterla affrontare quando si trova nelle condizioni migliori per farlo. Non esiste un'indicazione univoca per quanto riguarda il periodo di potatura per tutte le piante: le diverse specie richiederanno interventi in diversi periodi dell'anno. In linea generale, si può comunque ricordare che la pianta dovrebbe essere sottoposta a potatura prima o dopo il suo ciclo vegetativo, in modo tale da non subire danni e stress proprio quando si prepara ad arricchirsi di fiori e di frutti. La potatura sarà più invasiva nelle piante più giovani, che necessitano di una definizione della forma per la crescita. I piccoli interventi di potatura che si limitano a controllare la crescita dei rami potranno essere effettuati con cadenza annuali oppure due o tre volte l'anno, secondo le esigenze della pianta, mentre gli interventi più decisi potranno essere necessari annualmente oppure ogni due o tre anni.



COMMENTI SULL' ARTICOLO