Coltivare la barbabietola rossa

Come irrigare

Ortaggio poco esigente che si adatta ad ogni tipo di terreno, la barbabietola rossa ha però un grande bisogno di umidità. Di conseguenza, almeno nella fase di germinazione l'annaffiatura dovrà essere abbondante per consentire al terreno di mantenersi sempre umido ed alle radici di svilupparsi. Successivamente, nella fase di crescita, sarà possibile diminuire l'annaffiatura fino ad un livello normale, cercando però di mantenere una frequenza regolare. Questo perché poca acqua porterebbe le foglie ad ingiallire rapidamente, rovinando anche le radici che diventerebbero legnose. Al contrario, una irrigazione abbondante in fase di crescita causerebbe una crescita eccessiva della parte fogliare. Un consiglio utile può essere la pacciamatura del terreno, in modo da risparmiare in tema di annaffiatura.
Barbabietola rossa

Il Kit Ortaggi per un'Insalata Originale di Plant Theatre – 5 fantastiche verdure da insalata da coltivare – ottimo regalo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Come coltivare

Orto barbabietola rossa Ortaggio tipico dell'Europa e dell'Africa del Nord, si adatta facilmente al clima italiano e mediterraneo in genere. Prima della semina è consigliabile spargere un po' di compost sul terreno, e questo è uno dei pochi accorgimenti da seguire. Tenendo conto delle condizioni climatiche specifiche, si può seminare da inizio aprile fino a metà luglio se le temperature non sono troppo eccessive, preferibilmente con un intervallo di quindici giorni. In questo modo, si raccoglieranno gli ultimi ortaggi in autunno inoltrato. Altro consiglio, per risparmiare lavoro è preferibile seminare direttamente in campo aperto, premurandosi di lasciare circa 10 cm di spazio tra seme e seme e 30 cm tra fila e fila. La coltivazione in semenzaio è possibile, ma in questo caso bisognerà rendere il terreno particolarmente umido e morbido prima di trapiantare i germogli.

  • Illustrazione botanica di Beta Vulgaris La barbabietola rossa è una delle molteplici varietà esistenti in natura di barbabietola. La barbabietola è nota in ambito botanico con il nome di beta vulgaris, che appartiene alla famiglia delle Che...
  • Campo barbabietola La barbabietola da zucchero è una coltura molto sensibile alle irrigazioni. Infatti per aumentare la produttività della barbabietola è indispensabile fornire la giusta quantità di acqua al momento più...
  • patata La patata è un tubero commestibile originario dell’America Meridionale e precisamente del Perù e del Cile. Pochi conoscono le straordinarie virtù di questo tubero, che veniva usato fin dall’antichità ...
  • Ibrido di begonia tuberosa Appartenente alla famiglia delle Begoniaceae, la begonia tuberosa è una pianta annuale (anche se non mancano le varietà perenni), originaria delle aree tropicali e subtropicali, in particolare America...

kit Erbe Aromatiche 240 Semi strani In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Aneto, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,8€


Quando concimare

Coltivazione tuberi Se in teoria preferisce un ambiente leggermente acido, la barbabietola rossa può essere coltivata sia in terreni leggeri che in quelli pesanti. Proprio per la sua alta adattabilità, è un ortaggio che non ha bisogno di grande concimazione, riesce anzi a crescere ottimamente con quella residua delle coltivazioni precedenti. Come detto, un leggero compostaggio del terreno prima della semina è comunque consigliato, ma non indispensabile. Meglio non utilizzare troppo letame, anche se viene spesso utilizzato: i suoi effetti sul terreno sono buoni, ma potrebbe rovinare il sapore delicato della barbabietola. Per una concimazione integrativa risultano invece ottime la cenere di legna o la consolida maggiore che aggiungono un alto apporto di potassio favorendo così formazione e sviluppo della radice.


Coltivare la barbabietola rossa: Malattie e possibili rimedi

Coltivare ortaggi La malattia più pericolosa per la barbabietola rossa è la cercosporiosi della bietola, una malattia fogliare che porta a cali di resa fino al 50%. Si manifesta con piccole tacche che appaiono prima sule foglie, poi si allargano diventando più grandi e di forma circolare. Per combatterla, è consigliato un trattamento a base di ossicloruro di rame o l'uso di poltiglia bordolese. Il mal bianco della bietola causa invece una muffa dalla consistenza simile a farina che si diffonde sul fogliame, da contrastare con zolfo micronizzato. Altro pericolo costante per questo ortaggio, sono i parassiti. Tra i più comuni le anguillule, che provocano uno scarso sviluppo di radici e foglie. Per prevenirla, si possono applicare opportune rotazioni e consociazioni con piante tipo la calendula. Altro pericolo la mosca minatrice, che scava gallerie all'interno delle foglie e ne provoca infezioni. Per combatterla, utilizzare estratto di assenzio o decotto di legno quassio. Come altre piante dell'orto, fare attenzione anche al maggiolino, l'altica, il ragnetto rosso.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO