Orto pomodori

Coltiva i pomodori nel tuo orto: semenzaio o piantine?

Coltivare i propri pomodori è di sicuro un'esperienza soddisfacente ed emozionante. Si può partire dai semi di pomodoro, acquistati in bustine e seminati in semenzaio, oppure si possono acquistare delle piantine già pronte in un vivaio, da trapiantare nell'orto o in vaso e da curare in attesa della produzione. La prima soluzione è quella più complessa, e ve la consigliamo solo nel caso in cui abbiate già molta esperienza di coltivazione. Si tratta infatti di creare un semenzaio, un cassettino di terra, in cui piantare i vostri semi a spaglio e coperti di uno strato sottile di terriccio. Alla nascita delle piantine potrete procedere al diradamento, cioè a prelevare alcune piantine e lasciarne altre nel terreno, in modo che queste possano crescere senza intoppi e con sufficiente spazio. Quando hanno raggiunto i 15 cm, potete effettuare il trapianto.
Trapiantare le piantine a 30 cm di distanza.

Chenci® Legatrice per Piante Tying Macchina Nastro Strumento Sostegno Agricoltura Metallo per Frutta/ Verdura/ Pomodoro/Vigneto/Melanzana Lega Tying Tool Tapener Attrezzi Orto Pinza Legatrice 10000 Pezzi Punte e 50 Metri Nastri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,99€


Prenditi cura delle tue piantine di pomodori

I pomodori maturano al sole. Nel caso invece in cui siate alle prime armi con la vostra auto-produzione, procuratevi delle piantine già pronte. Potete acquistarle al vivaio, oppure se nei dintorni di casa vostra si svolge un mercato contadino, anche lì è possibile trovare confezioni in polistirolo di piantine pronte per il trapianto. In alternativa, se vi interessa un particolare tipo di pomodoro di difficile reperibilità, potete ordinare le vostre piantine online. Una volta procurate le piantine, toglietele dal terreno della confezione, o dal semenzaio, e trapiantatele a distanza di 30 cm l'una dall'altra. Una volta trapiantate le piantine, potete decidere di metterle in prossimità di una rete o un cancello, oppure potete creare una griglia con delle bacchettine di bambù. I pomodori, infatti, tendono a crescere molto in altezza, e hanno bisogno di un sostegno per elevarsi.

    COMPO CONCIME UNIVERSALE BIOLOGICO PER PIANTE ORTICOLE E DA FRUTTO CONF. DA 1 LT

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


    Di cosa hanno bisogno i vostri pomodori

    Annaffiate con regolarità i vostri pomodori. I pomodori sono ortaggi che vogliono molto sole e molta acqua, per cui assicuratevi di aver scelto un posto dell'orto con una buona esposizione e curatevi di controllare sempre che il terriccio alla base della pianta non si secchi troppo. In tal caso, sbrigatevi ad annaffiare abbondantemente i vostri pomodori! Per quanto riguarda i trattamenti da eseguire, anche qui avete diverse opzioni. Potete optare per dei trattamenti biologici, oppure chimici, in ogni caso fatevi consigliare da un esperto. Anche il rivenditore da cui vi rifornite di attrezzi, semi e piantine saprà di sicuro cosa suggerirvi, oppure potete informarvi online. Ci sono molti siti specializzati in trattamenti e cura delle piantine da orto, dove acquistare anche dei prodotti specifici nel caso non li troviate in zona.


    Orto pomodori: Come gustare al meglio i pomodori dell'orto

    Una splendida insalata succosa e salutare. Una volta che i vostri pomodorini saranno nati, potete sia coglierli verdi che aspettare che maturino direttamente sulla pianta. Vi consigliamo questa seconda opzione per ottenere un prodotto maggiormente ricco di vitamine e naturalmente dolce. Potete gustarli freschi, oppure congelarli interi, una volta lavati e asciugati, in comodi sacchetti da freezer. In questo caso potrete tirarli fuori durante l'inverno per arricchire brodi e minestre o per un sugo veloce. Inoltre, se vi piace preparare delle conserve, potete anche cuocere il sugo di pomodoro, riempire dei vasetti ben puliti e poi procedere alla sterilizzazione dei vasetti colmi. Basta immergerli in acqua e farli sobbolire per mezz'ora, poi aspettare che si raffreddino prima di tirarli fuori.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO